Natura selvaggia, butteri, antichi borghi, terme e siti archeologici. La Maremma si nutre di leggende, misteriosi briganti e tradizioni secolari che, ancora oggi, ne raccontano l’anima più profonda.

Qui si trovano le tracce di una storia anche aspra, in cui si sono mescolate genti arrivate da ogni dove portando vita pulsante lungo le coste, protette da fortezze inespugnabili, nelle colline e in quella montagna sospesa nel cielo che, ancora oggi, sovrasta la striscia pianeggiante, strappata con la bonifica dell’800 alle paludi, dove sorge Grosseto.

Se la prossimità al mare ci aiuta a spiegare l’origine del nome Maremma, è l’incontro con la terra che ci introduce in questo territorio ricco di fascino. Territorio che è una porta di ingresso alla Toscana, forse meno conosciuto di altri luoghi più ricchi di storia, ma, proprio per questo, ancora più suggestivo e affascinante. In uno spazio relativamente piccolo si trovano, come riassunti da un abile gioco della natura, tanti paesaggi diversi con i loro sapori. Se l’Italia è una sorta di sintesi delle bellezze del mondo, la Maremma sintetizza molte bellezze italiane, come un piccola pietra incastonata in quel grande gioiello che è la Toscana.


 

www.maremmaroute.com